Un sogno diventato realtà per il quattordicenne Getúlio Felipe.
Grazie alla grande forza di volontà e a tanta determinazione Getúlio Felipe, affetto da paralisi cerebrale, ha scalato la Marmolada, la cima più alta delle Dolomiti.

Domenica 21 aprile 2019 il quattordicenne brasiliano Getúlio è riuscito a realizzare il suo sogno di scalare una montagna.
Getúlio, affetto da paralisi celebrale, è riuscito a raggiungere Punta Penia, la cima più alta delle Dolomiti con i suoi 3.343 metri, lungo la via normale.
Getúlio, accompagnato dalla Guida alpina Alessio Nardellotto e dall’amico Pedro McCardell che ha organizzato la spedizione, è partito alle 6 del mattino da Pian dei Fiacconi per raggiungere la cima in nove ore, superando il profondo manto nevoso sulla regina delle Dolomiti come anche il clima freddo e la stanchezza fisica.
Alla spedizione hanno anche partecipato l’alpinista Alberto Benchimol, Direttore esecutivo di Sportfund fondazione per lo sport Onlus, che ha assistito il team e il fotografo Stefano Fabris Photography, che ha documentato la scalata per la realizzazione del film “Driven”, così da testimoniare la strepitosa forza fisica e mentale nell’affrontare le condizioni atmosferiche e l’altitudine e per dimostrare che la forza di volontà permette di realizzare i propri sogni.

La prima ora di cammino è andata molto bene anche grazie alle condizioni della neve compatta nelle prime ore del mattino.
Nel corso della spedizione la neve più morbida ha recato qualche difficoltà al gruppo ma Getúlio non si è lasciato scoraggiare continuando la scalata verso la cima.
Il gruppo di accompagnatori ha consigliato più volte a Getúlio di tornare indietro, ma lui non ha voluto rinunciare ed è riuscito a raggiungere la cima.
Sul tetto delle Dolomiti e contemplando il panorama attorno a sé, Getúlio ha commentato così questa sua impresa: “che bella la vita!”.

L’avventura di Getúlio, che può essere di ispirazione per tanti giovani, insegna che con la forza di volontà tutto è possibile.
Sin da piccolo gli era stato detto che avrebbe dovuto passare la vita su una sedia a rotelle, ma a sette anni ha imparato a camminare e il suo sogno era quello di scalare una montagna, realizzandolo sulla regina delle Dolomiti.
L’idea di questa spedizione è nata da Pedro McCardell, fondatore della società americana Lyfx, che l’ha proposta a Getúlio nel 2015, dopo aver sentito dell’incredibile forza d’animo del ragazzo e del suo approccio positivo e intraprendente nei confronti della vita.
Negli ultimi quattro anni, Getúlio ha quindi allenato il corpo e la mente per prepararsi alla scalata, ricevendo anche il benestare dei suoi medici.
Partner del progetto sono Climbing Technology e Montura, che hanno fornito l’abbigliamento tecnico e il materiale a tutto il team, e Alta Badia.
Con il patrocinio della Dolomites UNESCO e di Sportfund fondazione per lo sport Onlus.

“DRIVEN” IL FILM: THE LOGLINE
A 14-year-old boy with cerebral palsy sets out to conquer the Marmolada Mountain in Italy, joined by a more-experienced adventure partner and a local mountain guide:
Clicca qui per vedere il video